La nuova riforma fiscale in Austria

Il Governo Federale Austriaco ha pubblicato informazioni sulla prevista riforma fiscale. Una riforma effettivamente notevole – almeno a prima vista. Ecco alcuni dei punti chiave per alleviare le aziende:

1. Riduzione dell’imposta sugli utili (IRES)

Probabilmente il maggior sollievo per l’economia deve essere fatto abbassando l’imposta sulle società (IRES). Analogamente alla riduzione tariffaria per i dipendenti, anche l’IRES viene gradualmente ridotto – dal 2022 dall’attuale 25% al ​​23% e dal 2023 dal 23% al 21%.

2. Riduzione dell’imposta sui salari

I tre livelli più bassi di salario e imposta sul reddito dovrebbero essere ridotti dall’attuale 25, 35 e 42 percento al 20, 30 e 40 percento. In particolare, la riduzione dovrebbe giovare a chi ha un reddito medio-piccolo.

3. Rilievo di beni di basso valore

Una misura chiave comporta l’innalzamento della soglia per la deducibilità delle attività a basso valore, come forniture per ufficio o computer portatili. L’importo di 400 € attualmente dovrebbe essere aumentato a 1000 € dal 2021.

4. Rilievo nel campo ambientale

Questi includono, per esempio, la riduzione di imposta di consumo di carburante, abbassando l’imposta assicurazione del veicolo (legati alle emissioni di CO2 delle nuove auto), la soppressione degli incentivi fiscali correnti domestico per l’uso del fotovoltaico e favorendo fonti energetiche ecologiche.

Fonte: https://www.derbrutkasten.com/steuerreform